Viaggiare è il mio peccato (una trilogia esotica)

“Vuoi andare da sola in Medio Oriente? E’ un mondo che non conosci affatto.”

“Oh, andrà tutto bene. A volte è necessario fare qualcosa da soli, no?” Era la prima volta che mi capitava e, per la verità, non ne avevo nemmeno tanta voglia, ma mi ero imposta: “Ora o mai più. Devi deciderti. Se non approfitti di quest’occasione per acquistare un po’ d’autonomia e sviluppare il tuo spirito d’iniziativa, finirai per adagiarti in un ritmo sonnolento e senza sorprese”.

Fu così che cinque giorni più tardi partivo per Bagdad.

(…) Avevo compiuto il giro del mondo con Archie, ero stata alle Canarie con Carlo e Rosalind ed ora stavo andandomene per conto mio. Dovevo scoprire che persona ero e se davvero avrei finito per dipendere dagli altri come temevo. Potevo abbandonarmi al gusto di esplorare luoghi nuovi… tutti quelli che volevo. Potevo cambiare idea da un momento all’altro, come avevo fatto quando avevo preferito Bagdad alle Indie Occidentali. Dovevo tener conto solo di me stessa e non sapevo se mi sarebbe piaciuto. Finora mi ero comportata esattamente come i cani, che escono solo se qualcuno li porta fuori. Forse era destino che restassi così, ma io mi auguravo il contrario.

Agatha Christie, La mia vita (Mondadori, 1978)

Non era destino, evidentemente.

La Regina del Giallo fu una viaggiatrice appassionata, curiosa, amante dell’avventura: lo testimoniano la sua divertente autobiografia, il bellissimo resoconto di viaggi “Come, Tell Me How You Live” (tradotto in Italia con il titolo Viaggiare è il mio peccato), pubblicato nel 1946, e, da ultimo, Il giro del mondo. Album di lettere e fotografie (titolo originale: “The Grand Tour. Letters and Photographs from the British Empire Expedition”), straordinaria raccolta di parole e immagini dai luoghi più suggestivi dell’Impero Britannico che, come annota giustamente Mathew Prichard, adorato nipote di Dame Agatha e curatore del volume, “offre uno spaccato della vita degli anni Venti che desta nostalgia e curiosità”. E lo testimonia, con altrettanta forza, la sua sconfinata produzione letteraria: la Christie ambientò infatti numerosi romanzi in “terra straniera” – L’uomo vestito di marrone (1924) attinge a piene mani dall’esperienza narrata in Grand Tour, ma già in Aiuto, Poirot!, dell’anno precedente, l’autrice aveva spedito il detective belga e il fedele Hastings in un “posticino tranquillo ma elegante, tra Boulogne e Calais”, in Francia… e che dire della strabiliante indagine a bordo dell’Orient Express? – e incastonò alcune fra le sue trame più memorabili nei luoghi più suggestivi del pianeta. L’esempio più fulgido è costituito dalla cosiddetta “trilogia esotica”: tre formidabili gialli in salsa mediorientale che hanno fatto la storia della letteratura poliziesca…

Non c’è più scampo

Isolati in una località sperduta della Mesopotamia alcuni archeologi, uomini e donne, stanno lavorando per riportare alla luce le rovine di un’antica città. 
Sulla piccola comunità di europei (una compagnia in verità molto eterogenea) aleggia però un’atmosfera di paura e di sospetto. Louise Leidner, la bellissima moglie del capo della missione archeologica, e ossessionata da oscure allucinate visioni. 
Quasi tutti i compagni la considerano malata di nervi ma forse, nel passato della donna si nasconde qualcosa di terribile, qualcosa o qualcuno vuole portare a termine una tremenda vendetta. 
In un crescendo drammatico la tensione che grava sui membri della spedizione sfocia in un orrendo delitto. 
Le autorità coloniali brancolano nel buio e il mistero sembra destinato a rimanere tale finché non arriva Poirot, che, dopo aver esaminato tutti i sospetti, riuscirà a risolvere in maniera inaspettata (ma in fondo logica) l’intricata vicenda.

Assassinio sul Nilo

Il destino ha riunito un eterogeneo gruppo di viaggiatori sul lussuoso battello da crociera Karnak, in navigazione sul Nilo.
Tra di essi la personalità dominante è senz’altro rappresentata dall’affascinante Linnet Ridgeway, la ragazza più ricca d’Inghilterra, abituata a essere sempre al centro dell’attenzione. Attorno a lei gravitano un fidanzato respinto e diversi accaniti ammiratori che se ne contendono i favori.
Ciascuno dei personaggi ha però una sua storia e un suo segreto da custodire, accuratamente nascosto sotto un’inappuntabile facciata di rispettabilità e di perbenismo.
Fra i turisti c’è anche Hercule Poirot, una volta tanto in vacanza, ma anche in questa occasione il suo ozio è destinato a durare poco. Nel giro di poche ore, infatti, a bordo del Karnak si consumano ben due delitti, e la tranquilla crociera si trasforma in una disperata caccia ad un assassino diabolicamente astuto.

Lois Chiles (Linnet Doyle) e Angela Lansbury (Mrs. Otterbourne) in una scena di “Assassinio sul Nilo”, di John Guillermin (1978).

La domatrice

Petra è un’affascinante città carovaniera della Transgiordania. In questa località il destino ha riunito un eterogeneo gruppo di turisti: un famoso psichiatra francese, una graziosa neolaureata in medicina, un’energica lady membro del Parlamento inglese, una signorina di mezz’età e una numerosa famiglia americana che gravita intorno alla «domatrice», un’onnipotente matrona che ama esercitare il suo potere sui familiari. 

Quando uno dei membri della comitiva viene ritrovato cadavere, affiora subito il sospetto che si sia trattato di un delitto. 

L’assassino però ha fatto male i suoi conti. 

Non ha infatti previsto la presenza di Hercule Poirot, che anche questa volta non si farà sfuggire il colpevole…

Anything to declare?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...