Il primo raggio

di sole riuscì a penetrare il fitto intreccio di rami di pini, lecci secolari e illuminò debolmente la sagoma di un capriolo finemente cesellata sulla culatta di un fucile. L’uomo che lo imbracciava vi batté sopra l’unghia dell’indice per attirare la mia attenzione.
“Se il cervo rappresenta la maestosità e il cinghiale la forza” sussurrò, “il capriolo è il simbolo della grazia e della delicatezza… La caccia a palla per eccellenza, la più difficile ed emozionante, perché si tratta dell’animale più diffidente del bosco: l’udito il suo senso più sviluppato, poi l’olfatto, quindi la vista. Se il frastuono di un aereo lo lascia del tutto indifferente, il ‘crac’ di un ramo spezzato lo mette immediatamente in allarme. I cacciatori devono trovarsi in un luogo scelto per l’appostamento prima dell’alba, avendo cura di mettersi sottovento. Il capriolo appare all’improvviso, come un fantasma nell’incerta luce del mattino, e bisogna decidere nello spazio di un solo secondo se valga la pena di abbatterlo… “.

Massimo Carlotto, Il mistero di Mangiabarche (1997)

Annunci

La carogna dell’alligatore

galleggiava a pancia all’aria. Era stato abbattuto perché aveva iniziato ad avvicinarsi troppo all’accampamento e nessuno voleva rimetterci un braccio o una gamba. La puzza dolciastra della decomposizione si mescolava a quella della selva. La prima capanna distava da quella radura un centinaio di metri. L’italiano chiacchierava tranquillo con Huberto.

Avvertì la mia presenza. Si voltò e mi sorrise. Gli strizzai l’occhio e lui riprese a parlare. Mi portai alle sue spalle, respirai a fondo e gli sparai alla nuca.

Si afflosciò sull’erba. Lo afferrammo per i piedi e le braccia e lo buttammo a fianco dell’alligatore.

Il rettile a pancia all’aria e lui a faccia in giù.

Massimo Carlotto, Arrivederci amore, ciao 

(Edizioni e/o, 2001)